Eni 01/04/2011

Pubblicato: aprile 1, 2011 da Trading Warrior in Eni

Eni ha effettuato un’importante scoperta di idrocarburi nel Mare di Barents norvegese, circa 150 chilometri a nord ovest del giacimento petrolifero di Goliat. La scoperta, denominata Skrugard, e’ stata effettuata attraverso il pozzo esplorativo 7220/8-1, il primo perforato nella licenza PL532 assegnata nel 2009 nel ventesimo round internazionale norvegese.

Il pozzo, si legge in una nota, e’ stato perforato in una profondita’ d’acqua di 373 metri e ha evidenziato una significativa colonna di idrocarburi. Le operazioni di perforazione sono in corso di completamento. Il pozzo esplorativo raggiungera’ una profondita’ totale di 2.250 metri. I dati e i campioni acquisiti hanno provato la presenza di una colonna di gas di 33 metri e di una colonna di olio pari a 90 metri. Le risorse recuperabili sono stimate in via preliminare tra 150 e 250 mln di barili di olio equivalente. A breve sara’ definita una campagna di delineazione della scoperta.

La licenza esplorativa presenta inoltre un elevato potenziale minerario addizionale, che sara’ oggetto di indagine attraverso la perforazione di nuovi pozzi esplorativi. Si stima infatti che la licenza consentira’ di produrre fino a 250 mln di barili di olio equivalente aggiuntivi, raggiungendo un potenziale complessivo di 500 mln di barili. La Joint Venture della licenza e’ costituita da Statoil Petroleum As (50%, operatore), Eni (30%) e Petoro As (20%).

Eni e’ presente in Norvegia dal 1965 e oggi produce nel paese circa 130.000 barili di olio equivalente al giorno come propria equity. Eni, che opera in Norvegia attraverso Eni Norge, e’ inoltre operatore per lo sviluppo del primo progetto petrolifero nelle acque del Mare di Barents, l’importante scoperta di Goliat, e dello sviluppo del giacimento a gas di Marulk, nel Mare di Norvegia. Nel paese, inoltre, Eni detiene partecipazioni in diverse altre licenze esplorative e giacimenti in sviluppo e produzione, tra cui i campi Ekofisk, Norne, sgard, Heidrun, Kristin, Mikkel e Urd.

Questa scoperta rafforza ulteriormente la presenza di Eni in Norvegia e ne sancisce il ruolo di principale player, insieme a Statoil, nell’esplorazione e nello sviluppo delle risorse del mare di Barents. Il successo conferma infine il ruolo chiave del Paese nella strategia di crescita organica di Eni.

01 aprile alle ore 17.21

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...