7 novembre, si riparte

Pubblicato: novembre 7, 2011 da Trading Warrior in PiazzaAffari, Scenari

L’Italia è ormai commissariata anche se il governo finge il cotnrario. Il FMI sorveglierà i conti del “bel paese” ogni tre mesi su pressione di Francia e Germania. Schizzano i CDS e lo spread tra i BTP e il BUND segna un nuovo record a 462 bp un indice di sfiducia per l’intero sistema paese, non solo per il governo.
Il G20 ha chiuso i lavori con pochi piani operativi tranne per la richiesta di aprire ai cambi flessibili lo YUAN, stilare la lista delle banche da ricapitalizzare e i soliti aiuti FMI e EFSF per il resto molti “talk” di urgenza. C’è chi sostiene che ci stiamo avvicinando al giro di boa della “più grande iniezione di fiducia di tutti i tempi” e la soluzione comincia a non essere così scontata nemmeno per i più cosiddetti grandi sulla terra.
I rumours fanno trapelare l’idea di un mercato in difesa pronto ad un rally dei “safe haven” con un conseguente probabile storno della valuta del vecchio continente verso i 1,30.
Rimane forte il dollaro USA assieme alla sterlina inglese rispetto alle altre valute. In USA l’occupazione è aumentata di 80.000 posti in Ottobre con un tasso di disoccupazione sceso al 9%. ISM sia manifatturiero che non rimangono modesti ma sopra il valore chiave di 50 punti che segna lo spartiacque tra fasi di contrazione e di espansione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...