L’ottava si chiude con un + 3%

Pubblicato: novembre 11, 2011 da Trading Warrior in Eni, Ftse Mib, Impregilo, Oro, Petrolio, PiazzaAffari, Prysmian, Saipem, Tenaris, Unicredit

Doctor Doom Roubini lo andava dicendo da tempo: un cambio della guardia alla guida del governo italiano risolverà in tempi rapidissimi il problema dello spread. Non che fossero necessarie le sue doti divinatorie, comunque oggi sul mercato dei titoli di Stato le quotazioni del Btp decennale sono decisamente migliorate, con il rendimento sceso al 6,42% dal 6,89% di ieri sera e lo spread con il Bund tedesco rientrato a 454 punti base. Milano ha chiuso in forte rialzo: l’indice Ftse Mib ha guadagnato il 3,9% (ora si trova a 15.812 punti) archiviando un’ottava che complessivamente ha fruttato il 3% circa.
Un risultato più che confortante se consideriamo l’uragano che ha colpito i nostri titoli di Stato, i cui rendimenti mercoledì scorso sono volati su livelli che non si vedevano dal 1997. Andamento positivo anche per le altre Borse dell’EZ con Parigi, Francoforte e Madrid allineate su rialzi intorno ai 3 punti. Dalla Grecia è arrivata la notizia che Evangelos Venizelos mantiene la carica di ministro delle finanze anche nel governo che si prepara a varare il nuovo premier Lucas Papademos. La sensazione dominante è che a soluzione della crisi del debito sovrano dell’EZ sia ormai a portata di mano.
Nel frattempo il Senato ha approvato a tempo di record la Legge di Stabilità che contiene alcune delle misure anticrisi promesse all’Europa, domani il provvedimento passerà alla Camera. Diventa sempre più concreta la possibilità che già domenica nasca il nuovo esecutivo guidato da Mario Monti. Un consiglio dei ministri è stato convocato per sabato alle 18.

Migliora la monteta unica, in recupero nei confronti del dollaro a 1,377 da 1,360 della chiusura di ieri sera.

A Piazza Affari si mettono in luce i titoli finanziari e delle costruzioni.
Intesa ha guadagnato l’8,8%, Unicredit +5,4% (0,825 euro), BancoPopolare +5%. Balzo di Banca Pop.Milano +11,6% nell’ultimo giorno di trattazione dei diritti d’opzione per l’aumento di capitale. In rialzo le assicurazioni e il risparmio gestito con Azimut a +7%.
Forti rialzi nelle costruzioni: Impregilo +11,8 % dopo l’annuncio dell’assegnazione dei lavori per realizzare l’Alta velocità ferroviaria fra Milano e Genova. Il valore totale delle opere e dei lavori contrattualizzati ammonta a circa 4,8 miliardi. Una parte della commessa riguarda anche MaireTecnimont esplosa a +23,7%. Astaldi +14% dopo avere vinto una commessa da 940 milioni di euro in Turchia. Fra gli industriali corrono Pirelli +5,7%, che raccoglie l’approvazione degli investitori sul nuovo piano industriale, e Prysmian +4,8%. Fiat Industrial quota 6,625 euro con un rialzo del + 4,50%.

Anche la triade dell’oil archivia una seduta di tutto rispetto: Eni + 1,36 (a 15,70), Saipem, +2 (a 32,65), Tenaris +2,92 (a 13,05).
Il petrolio wti viaggia sopra i 98 $/b, l’oro quota 1.789 dollari l’oncia.

Attualmente il DOw Jones sale del 2% circa sostenuto dal dato migliore delle attese sulla fiducia del consumatori americani.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...