Le borse UE si sgonfiano

Pubblicato: novembre 14, 2011 da Trading Warrior in Eni, Petrolio, PiazzaAffari, Saipem, Tenaris, Unicredit

A metà mattina Piazza Affari e le altre Borse europee frenano in attesa dell’asta del Btp il cui risultato sarà annunciato tra poco. A Milano l’indice FtseMib ha ridotto il rialzo a +0,4%. Girano in negativo le Borse di Londra (-0,1%), Parigi (-0,6%) e Francoforte (-0,4%).
In Piazza Affari restano positive le banche con Ubi che guadagna il 2,5%, Intesa +1,3%, Unicredit +1%.
Il Tesoro si appresta a mettere in asta nuovi Btp per un ammontare compreso fra 1,5 e 3 miliardi di euro. Sul mercato il rendimento dei Btp decennali è al 6,32% (-9 punti base rispetto a venerdì), lo spread con il Bund a 452 punti.
Sono deboli i titoli dell’auto.
Il rialzo del petrolio, con il Wti a 99 dollari al barile, aiuta i titoli del settore e in particolare Tenaris, in crescita del 2,8%. Saipem che sale dello 0,5%, Eni +0,1%. Continua la corsa di MaireTecnimont in progresso del 3,1%.
Dall’Eurozona arriva una notizia migliore del previsto, la produzione industriale a settembre scende a -2% mese,sopra attese
Nuovi rumours su Unicredit: oggi pomeriggio la banca illustrerà alla comunità finanziaria il nuovo piano industriale che, secondo le indiscrezioni, dovrebbe contenere anche un aumento di capitale da 7,5 miliardi di euro. Stamattina la controllata polacca Bank Pekao, ha annunciato i conti del terzo trimestre, chiuso con un utile di 766 milioni di zloty (239 milioni di euro): la media delle stime degli analisti indicava 728 milioni di zloty.

commenti
  1. Pivot Trader scrive:

    In effetti questo cosiddetto effetto Monti sembra sia durato mezz’ora. Naturalmente il varo del Governo, che secondo il Pres. della Camera avverrà entro Venerdì, potrebbe avviare uno scenario nettamente ottimista, almeno a breve e comunque oltre i 30 minuti di questa mattina.
    Il timore circa l’adc Unicredit è che affossi ulteriormente il titolo. L’appuntamento è alle 16 (non alle 11).
    Resta l’attesa per l’esito dell’asta.

  2. Tonio Kroeger scrive:

    Intanto Soros avverte: i debiti di Spagna e Italia sono troppo grandi per essere salvati.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...