Il peso di Unicredit

Pubblicato: gennaio 5, 2012 da Trading Warrior in Macro, Oro, Petrolio, PiazzaAffari, Unicredit
Tag:, ,

Piazza Affari apre in sostanziale parità una seduta che si svolgerà ancora una volta all’insegna della volatilità, almeno stando ai temi che sono sul tappeto in questi giorni. Ieri Wall street ha chiuso in parità, recuperando oltre mezzo punto di perdita accumulato in seduta. Stamattina Borse asiatiche in ordine sparso: Tokio -0,83%, Hong Kong +0,2%, Shanghai -0,7%, Seul -0,3%, Bombay +0,6%.
Nelle prime battute della giornata l’euro si conferma debole nei confronti del dollaro e viene scambiato sui minimi di ieri a 1,292. Euro sui minimi degli ultimi dieci anni contro yen a 99,1. Prosegue il buon momento del petrolio sostenuto dai dati macro dell’economia americana e dalle tensioni con l’Iran. Il Wti è fissato a 103,3 dollari al barile, il Brent a 113,8 dollari.
Quinto rialzo consecutivo per l’oro che guadagna un altro mezzo punto e sale a 1.619 dollari, dopo aver chiuso dicembre in flessione del 10%.
Nell’EZ oggi ci sarà grande attenzione alle aste dei titoli di Stato (Oat) francesi, per complessivi 7-8 miliardi di euro e scadenze comprese tra i 10 e i 30 anni, per verificare la tenuta della tripla A messa in serio pericolo dalle ultime indicazioni delle agenzie di rating. Sul secondario il rendimento di ieri dell’Oat a 10 anni era fissato al 3,3%, il trentennale era al 3,92%.
A piazza affari occhi puntanti su Unicredit, protagonista ieri di una caduta verticale del 14,5% dopo l’annuncio del prezzo di emissione delle nuove azioni dell’aumento di capitale fissato a 1,943 euro, con un forte sconto sulle quotazioni correnti. In un’intervista a Il sole 24 Ore l’ad Federico Ghizzoni si è detto fiducioso che l’aumento di capitale da 7,5 miliardi di euro verrà integralmente sottoscritto. “L’istituto” ha aggiunto “sarà tra leader in Europa e aumenterà sensibilmente il credito a famiglie e piccole/medi imprese”. Attenzione anche a Fiat Chrysler ha comunicato che le vendite di auto negli Stati Uniti a dicembre sono cresciute del 37% e del 26% nell’intero 2011.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...