Giornata sull’ottovolante per Piazza Affari, con l’indice Ftse Mib che torna praticamente ai livelli di partenza in una seduta povera di notizie macro. A Milano il Ftse Mib ha chiuso in rosso dello 0,08% e si è posizionato a quota 16.710,86, ma in giornata era arrivato a perdere oltre lo 0,80% toccando il minimo di 16.545. Londra -0,2%, Parigi -0,3%, Francoforte -0,6%. WallStreet alle 20.00 (ora italiana) è in rialzo ed il Dow Jones è reduce da un’escursione sopra quota 13.000 punti, un livello che non si vedeva dal 19 maggio del 2008.
Oggi l’euro ha reagito bene all’annuncio dell’intesa sul debito di Atene ma nel corso della giornata i guadagni si sono quasi azzerati, la moneta unica è poco mossa a 1,325 sul dollaro rispetto a 1,324 della chiusura di ieri: in mattinata il cambio si era spinto in prossimità di quota 1,330.
La notizia che la Grecia è salva ha aiutato la discesa del rendimento del Btp a 10 anni, a fine seduta il bond governativo di riferimento per l’Italia tratta a 5,41%, -3 punti base. Il differenziale con il Bund si restringe a 343 punti base dopo essere arrivato ad un minimo di 335 punti base.
I termini dell’accordo di stanotte sono leggermente diversi da quelli attesi, come si può vedere dalle clausole che abbiamo postato nel dettaglio stamani. In sintesi l’intesa prevede che i creditori privati accettino un’ulteriore svalutazione dei titoli di Stato ellenici, mentre da parte sua Atene si impegnerà ad una più incisiva correzione dei conti pubblici. Un haircut “volontario” del 53,5% nel valore nominale dei titoli di stato greci detenuti nei loro portafogli è il contrappasso cui si sono piegati i privati in cambio del “rigore”, eufemismo che nel lessico economico sostituisce il più scomodo ma realistico “macelleria sociale”.
A Piazza Affari le banche hanno viaggiato in ordine sparso. In calo i due colossi Unicredit -1,3% e Intesa Sanpaolo -2,4%. Lievi ribassi per Ubi -0,1% e Banco Popolare -0,5%. Monte Paschi è salita dell’8,8%: Il Sole24Ore riporta che la Fondazione Mps è vicina a vendere ai privati l’8% della banca mentre si rafforza la candidatura di Alessandro Profumo – il massacratore di Unicredit – per la carica di presidente.
Protagonista della seduta è stata anche Finmeccanica con un potente +11,7%. La stampa riporta di un possibile coinvolgimento delle Ferrovie dello Stato e della Cassa Depositi e Prestiti nel salvataggio di Ansaldo Breda. Se la notizia fosse confermata Finmeccanica potrebbe ridurre la sua partecipazione sotto il 50% deconsolidando Breda dal bilancio e quindi scorporando circa 600 milioni di euro di debiti. Il titolo in quattro giorni ha guadagnato il 27%, e anche l’analisi tecnica sembra prospettare rialzi ulteriori: “Con il superamento di quota 3,65 ha completato un modello di bottoming dal target in area 4,7 euro”, spiega un analista intervistato dal Cnbc.
Enel Green Power è salita del 3,9%: Goldman Sachs l’ha nominata migliore green utility d’Europa.
Lottomatica recupera terreno con un guadagno del 4,2% nel giorno della diffusione della bozza del decreto legge che sarà discusso venerdì dal governo. A quanto pare, nel documento non c’è traccia della maxi tassa sulle slot machine e sui giochi di cui aveva parlato la stampa specializzata di settore la settimana scorsa.
Tra le small caps, segnaliamo inoltre il bel rialzo di Maire Tecnimont +9,8%. La società di impiantistica attiva anche nel settore petrolifero è decollata dopo l’annuncio dell’aggiudicazione di contratti da 145 milioni di dollari in Brasile ed Arabia Saudita.
In questo momento l’oro si spara a quota 106,06 dollari il barile. Oggi i petroliferi del Ftse Mib non ne hanno risentito, anche perchè reduci da una lunga corsa. Eni galleggia attorno a 17,43 euro ed è praticamente invariata, Saipem cede mezzo punto percentuale e resta a 38,35 euro, mentre Tenaris cede l’1,47% a 15,47 euro.
Un’occhiata all’oro: 1.758 dollari l’oncia in rialzo dell’1,72%.

Annunci
commenti
  1. Trader situazionista ha detto:

    Con il Dow Jones a questi livelli sembra impossibile che siano in arrivo profondi rintracciamenti.

  2. Trading Warrior ha detto:

    C’è chi prevede quota 15.000, tra l’altro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...