La Merkel e Bernanke “allentano” e danno gas al rally

Pubblicato: marzo 26, 2012 da Trading Warrior in Bce, Commodities, Dow Jones, Euro, Fed, Fondiaria Sai, LTRO, Macro, News, Paesi periferici eurozona, Petrolio, PiazzaAffari, Quantitative Easing, Scenari
Tag:, , , , , , , ,

Tanto peggio tanto meglio: se i dati macro dagli USA continuano a deludere, allora sale la probabilità di assistere a un terzo round di “allentamento quantitativo”. Ed è questo sostanzialmente il messaggio rilasciato da Bernanke, e gli effetti in borsa si vedono già prima dell’apertura di Wall Street che si preannuncia positiva con i futures sull’S&P500 in rialzo dello 0,6% al pari di quelli sul Dow Jones e sul Nasdaq. Aiutano anche i dati macroeconomici positivi giunti questa mattina dalla Germania, risultati migliori delle attese: l’indagine Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche mostra a marzo un leggero miglioramento appena superiore alle attese, con l’indice che sale a 109,8 da 109,6 di febbraio. Nello specifico Bernanke ha dichiarato: “Gli indicatori suggeriscono che il mercato del lavoro sta migliorando, ma le condizioni restano ancora lontano dalla normalità”, ha ribadito. Le politiche della Fed possono aiutare a ridurre la disoccupazione di lungo termine: “continuare una politica monetaria accomodante potrebbe essere necessario per registrare ulteriori progressi”, ha proseguito il presidente della Fed.
Le Borse Europee accelerano al rialzo anche in conseguenza delle parole della cancelliera tedesca Angela Merkel, secondo cui la Germania è disposta ad accettare che i 200 miliardi di fondi su cui ha già preso impegni il fondo di salvataggio temporaneo Esf, vadano in parallelo con i 500 miliardi del suo successore permanente, il fondo salva-Stati Esm. L’Esm con una capacità di prestiti totale di 500 miliardi, dovrebbe diventare operativo questa estate. L’Efsf ha già 200 miliardi per Grecia, Portogallo e Irlanda.
In Europa gli acquisti si concentrano sul mercato obbligazionario, con i rendimenti dei titoli di Stato dei Paesi della zona Euro in calo. Si rafforza il miglioramento del Btp decennale: il rendimento scende al 5,01% dal 5,07% di venerdì sera. Spread con il Bund in calo a 309 punti.
In leggero calo anche i rendimenti del decennale americano che perde 1,7 punti base e rende il 2,27%
Praticamente stabile l’euro a 1,324 sul dollaro da 1,327 della chiusura di venerdì sera.
Tra gli appuntamenti macro in evidenza oggi, figurano i dati sulla vendite in corso di abitazioni negli Usa a febbraio. Il dato è atteso in crescita dell’1% dal +2% del mese precedente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...