Sentore di catastrofe per lunedì 4 giugno, Londra chiusa e QE III in standby

Pubblicato: giugno 4, 2012 da Trading Warrior in Atlantia, Commodities, Eni, Fiat, Macro, News, Petrolio, PiazzaAffari, Quantitative Easing, Rassegna stampa sul web, Saipem, Stm, Tenaris
Tag:, , , , , , , ,

La serie di dati macro negativi arrivati venerdì scorso dagli USA è culminata nell’aumento del tasso di disoccupazione: dall’8,1% all’8,2% registrato il mese scorso (per i dettagli leggi l’articolo JOBS REPORT DISASTER su businessinsider.com). Sono in molti a Wall Street che leggono questo dato con entusiasmo, secondo la logica del tanto peggio tanto meglio: il calo degli occupati spingerà Bernanke ad accendere la stampante della Fed per avviare il sospirato QE III, la terza mega-iniezione di liquidità implementata dalla Banca Centrale USA che si concretizzerà in un acquisto di bond a 10 anni per un ammontare di circa 500 miliardi di dollari. E’ Vincent Reinhart, da Morgan Stanley, a mettere sul tavolo i numeri: 80% di possibilità che la misura venga attuata già nel corso del Fomc previsto per il 19-20 giugno (vai all’articolo di Sam Ro HERE COMES QE3).
Un contesto di questo genere è pane per le cassandre. Sul fronte dei catastrofisti, e qui usiamo un eufemismo, segnaliamo questa serie di slide proposte da Raoul Pal, ex co-manager del GLG Global Macro Fund, sulla stessa lunghezza d’onda di quanti prefigurano la prosecuzione del bear market al di sotto dei minimi del marzo 2009 (SocGen: Here’s The Horrifyingly Realistic Scenario That Could Send Stocks Below Their 2009 Lows).

Ricordiamo che lunedì 4 giugno la borsa di Londra sarà chiusa per festività e questa circostanza oltre a determinare un calo dei volumi sul resto d’Europa, probabilmente si tradurrà anche in un minor volume di fuoco per i ribassisti. Non sarebbe una sorpresa assistere a un rimbalzo del gatto morto prolungato per l’intera giornata. Tuttavia c’è chi fa notare che dagli USA potrebbe partire una raffica di ribassi per forare la media mobile a 200 giorni nello S&P500 (vai all’analisi di Mark Hulbert), con una conseguente accelerazione al ribasso per le borse UE a partire dal primo pomeriggio.
A Piazza Affari, in particolare, sono previsti gli stacchi del dividendo di STM, Emak, e Hera. Lunedì partirà anche l’aumento di capitale di Atlantia che sarà realizzato tramite assegnazione gratuita di 1 nuova azione ordinaria ogni 20 in portafoglio. Sempre lunedì prenderà il via, per concludersi il 6 luglio, l’OPA lanciata da DoCoMo Deutscheland su Buongiorno, al prezzo di 2 euro per azione.
Da seguire Fiat Auto dopo che a maggio il mercato dell’auto ha registrato una flessione delle immatricolazioni pari al 14,26%. Sotto i riflettori anche i titoli del settore petrolifero dopo che i prezzi dell’oro nero stanno scivolando al di sotto degli 82 dollari al barile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...