Archivio per la categoria ‘Roubini’

screen shot 2013-02-26 at 3.15.29 am

“Italy is headed to new elections within six months as election results make Italy ungovernable. It is political, economic and financial chaos,” Nouriel Roubini tweeted Tuesday.
(read more on marketwatch.com)

Annunci

marc-faber

I Love This Market Because The Higher It Goes, The Bigger The Crash.
Così parlò il guru Marc Faber, che contende a Nouriel Roubini il titolo di “Doctor Doom”. Faber ha dichiarato a più riprese, con una durezza senza precedenti, che i mercati azionari sono vicini a un collasso destinato a ridurre il valore delle azioni, sui mercati internazionali, di oltre il 20% medio. Faber confessa di essersi posizionato al ribasso per i prossimi mesi a partire da febbraio, e adduce parecchie ragioni a favore di questa tesi che azzera l’entusiasmo di coloro che credono nella “grande rotazione”, la fuga continua dall’obbligazionario e dai cosiddetti porti sicuri e conseguente afflusso di liquidità sull’azionario. L’aspetto più interessante dell’analisi di Faber consiste nel fatto che le ragioni addotte per sostenere la tesi del crollo non fanno riferimento a fattori esogeni al mercato, come la questione del tetto del debito pubblico negli USA, dopo la parziale soluzione del problema del “fiscal cliff”, o l’instabilità finanziaria dei paesi periferici di Eurolandia. A partire da un approccio basato sui fondamentali Doctor Doom sostiene che una raffica di risultati aziendali ben al di sotto delle prospettive farà implodere i mercati determinando una sorta di reset destinato ad avere ripercussioni brutali. A nulla varranno le politiche di stimolo implementate dalle varie banche centrali del mondo, a partire dal “Quantitative Easing” targato Fed fino alle misure di politica non convenzionale approvate dalla Bce di Mario Draghi. Pare che il lugubre comunicato diramato dai vertici di Saipem due giorni fa a mercati chiusi sia da considerare il primo scricchiolio che annuncia il grande crollo. Dopo l’era del deleveraging è iniziata l’era del profit warning.

(Read more: http://www.businessinsider.com/faber-youre-in-danger-if-you-dont-own-gold-2013-1)

fiscal cliff

Nel grafico riportato sopra tutti i numeri sul fiscal cliff. Mancano ancora 10 giorni prima che l’economia USA piombi nel cosiddetto “baratro fiscale”, ossia la concomitanza di tagli automatici alla spesa pubblica e inasprimenti fiscali, per un ammontare complessivo di 600 miliardi di dollari, nel caso in cui il Congresso non riuscisse a trovare un accordo sul budget federale entro la fine dell’anno. (tutti gli aggiornamenti in tempo reale su marketwatch.com)

Su milanofinanza.it possiamo iniziare a leggere le previsioni per il 2013. La sfera di cristallo stavolta è di Saxo Bank che articola uno scenario fantascientifico in 10 punti. Dal crollo della borsa tedesca al petrolio wti che affonda a 50 dollari il barile, seguito a ruota dall’oro che dovrebbe piombare a 1.200 dollari l’oncia. Non è previsto, almeno per ora, un attacco alieno sulla Federal Reserve.

In questo articolo a cura di Sam Ro apparso su businessinsider.com possiamo individuare la bussola di Credit Suisse, che snocciola i tredici temi del 2013 che faranno da market movers. Il più interessante è il riferimento alla Shale Revolution che potrebbe portare a una svolta storica rendendo gli USA indipendenti dai paesi mediorientali nell’approvvigionamento di petrolio.

Il Dottor Destino (Nouriel Roubini), alla domanda se sia “bullish” riguardo all’economia a stelle e strisce, risponde con questa dichiarazione: credo che nel lungo termine l’economia USA avrà performance superiori rispetto a quelle degli altri paesi avanzati. Nel breve mi aspetto ancora una crescita “anemica”. L’intervento integrale è pubblicato da economonitor.com. Probabilmente le valutazioni di Roubini sono al netto di un prossimo intervento della Federal Reserve, o meglio, della stampante di Bernanke.

Riportiamo integralmente il post di Nouriel Roubini del 17/10 dal sito Ecomonitor.

 

The United States Federal Reserve’s decision to undertake a third round of quantitative easing, or QE3, has raised three important questions. Will QE3 jump-start America’s anemic economic growth? Will it lead to a persistent increase in risky assets, especially in US and other global equity markets? Finally, will its effects on GDP growth and equity markets be similar or different?

Many now argue that QE3’s effect on risky assets should be as powerful, if not more so, than that of QE1, QE2, and “Operation Twist,” the Fed’s earlier bond-purchase program. After all, while the previous rounds of US monetary easing have been associated with a persistent increase in equity prices, the size and duration of QE3 are more substantial. But, despite the Fed’s impressive commitment to aggressive monetary easing, its effects on the real economy and on US equities could well be smaller and more fleeting than those of previous QE rounds.

Consider, first, that the previous QE rounds came at times of much lower equity valuations and earnings. In March 2009, the S&P 500 index was down to 660, earnings per share (EPS) of US companies and banks had sunk to a financial-crisis low, and price/earnings ratios were in the single digits. Today, the S&P 500 is more than 100% higher (hovering near 1,430), the average EPS is close to $100, and P/E ratios are above 14.

Even during QE2, in the summer of 2010, the S&P 500, P/E ratios, and EPS were much lower than they are today. If, as is likely, economic growth in the US remains anemic in spite of QE3, top-line revenues and bottom-line earnings will turn south, with negative effects on equity valuations.

Moreover, fiscal support is absent this time: QE1 and QE2 helped to prevent a deeper recession and avoid a double dip, respectively, because each was associated with a significant fiscal stimulus. In contrast, QE3 will be associated with a fiscal contraction, possibly even a large fiscal cliff.

Even if the US avoids the full fiscal cliff of 4.5% of GDP that is looming at the end of the year, it is highly likely that a fiscal drag amounting to 1.5% of GDP will hit the economy in 2013. With the US economy currently growing at a 1.6% annual rate, a fiscal drag of even 1% implies near-stagnation in 2013, though a modest recovery in housing and manufacturing, together with QE3, should keep US growth at about its current level in 2013.

But there is no broader rebound underway. In both 2010 and 2011, leading economic indicators showed that the first-half slowdown had bottomed out, and that growth was already accelerating before the announcement of monetary easing. Thus, QE nudged along an economy that was already recovering, which prolonged asset reflation.

By contrast, the latest data suggest that the US economy is performing as sluggishly now as it was in the first half of the year. Indeed, if anything, weakness in the US labor market, low capital expenditures, and slow income growth have contradicted signals in the early summer that third-quarter growth might be more robust.

Meanwhile, the main transmission channels of monetary stimulus to the real economy – the bond, credit, currency, and stock markets – remain weak, if not broken. Indeed, the bond-market channel is unlikely to boost growth. Long-term government bond yields are already very low, and a further reduction will not significantly change private agents’ borrowing costs.

The credit channel also is not working properly, as banks have hoarded most of the extra liquidity from QE, creating excess reserves rather than increasing lending. Those who can borrow have ample cash and are cautious about spending, while those who want to borrow – highly indebted households and firms (especially small and medium-size enterprises) – face a credit crunch.

The currency channel is similarly impaired. With global growth weakening, net exports are unlikely to improve robustly, even with a weaker dollar. Moreover, many major central banks are implementing variants of QE alongside the Fed, dampening the effect of the Fed’s actions on the dollar’s value.

Perhaps most important, a weaker dollar’s effect on the trade balance, and thus on growth, is limited by two factors. First, a weaker dollar is associated with a higher dollar price for commodities, which implies a drag on the trade balance, because the US is a net commodity-importing country. Second, any improvement in GDP derived from stronger exports leads to an increase in imports. Empirical studies estimate that the overall impact of a weaker US dollar on the trade balance is close to zero.

The only other significant channel to transmit QE to the real economy is the wealth effect of an equity-market increase, but there is some circularity in the argument that QE3 will lead to a persistent rise in equity prices. If persistent asset reflation requires a significant GDP growth recovery, it is tautological to say that if equity prices rise enough following QE, the resulting increase in GDP from a wealth effect justifies the rise in asset prices. If monetary policy’s transmission channels to the real economy are broken, one cannot assume that QE will have a significant effect on economic growth.

 Fed Chairman Ben Bernanke has recently emphasized the importance of an additional channel: the confidence channel, through which the Fed’s commitment to maintaining generous monetary conditions for longer could improve private spending. The issue is how substantial and durable such effects will be. Confidence is fragile in an environment characterized by ongoing deleveraging, macro uncertainties, weak labor-market growth, and a fiscal drag.

In short, QE3 reduces the tail risk of an outright economic contraction, but is unlikely to lead to a sustained recovery in an economy that is still enduring a painful deleveraging process. In the short run, QE3 will lead investors to take on risk, and will stimulate modest asset reflation. But the equity-price rise is likely to fizzle out over time if economic growth disappoints, as is likely, and drags down expectations about corporate revenues and profitability.

Mario Draghi ci è riuscito. Ha salvato l’Euro. Inventando l’Otm (Outright Monetary Transactions). Ma siamo sicuri dei risultati ?
Si è molto parlato, fino a poche settimane fa, di dare licenza bancaria all’ESM, di fatto trasformando la Bce in prestatore di ultima istanza, una Banca Centrale modello FED, insomma. Una cosa impossibile, in quanto non prevista nei trattati UE che, per recepirla, dovrebbero quanto meno essere riscritti. Non essendo al vaglio nessuna modifica in tal senso, era logico che nessuna licenza bancaria fosse possibile, come ratificato dallo stesso Draghi e da Angela Merkel. Pertanto Draghi si è ingegnato a far passare una linea diversa, ma non troppo: la Bce acquisterà titoli di stato, con scadenza non oltre i 3 anni, dei Paesi in difficoltà, qualora questi lo richiedano, senza pretendere di essere creditore privilegiato, e in quantità illimitata, per giunta sterilizzando gli acquisti. Sterilizzare significa che, per non rendere l’ESM un finanziamento diretto agli stati (aspetto fortemente inviso a Jens Weidmann), la BCE dovrà vendere altrettanti titoli. Un fattore questo che può essere valutato come una anomalia, il cui riverbero potrebbe essere una insolita forma di (anti-)doping sui mercati. Del resto, in questo senso (quello della anomalia) possiamo anche considerare la scelta dei 3 anni come tetto massimo: scegliendo soltanto titoli entro i 3 anni, per giunta con acquisti illimitati, i titoli a breve scadenza verranno protetti maggiormente, rispetto a quelli a lunga scadenza. Siamo sicuri che gli investitori non decidano di liberarsi dei Bond decennali in favore di quelli a breve termine per via di un rischio emittente ridotto a zero ? Quali le conseguenze ?
L’idea di Draghi è puro genio finanziario e diplomatico, non si discute. Tuttavia non vorrei che fosse uno “spaventapasseri”, cioè che servisse a mettere in guardia i cosiddetti speculatori con un monito: “Da oggi, quel gioco con lo spread non si fa più”. Altrimenti la Bce picchierà duro, andando a “incastrare” proprio gli Hedge e gli Hft. Ma il punto è: siamo sicuri che funzioni ? Per verificarlo bisogna che almeno un Paese UE faccia richiesta. In pole position abbiamo Italia e Spagna. Mario Monti ha già dichiarato che non ne abbiamo bisogno. E, dal canto suo, anche Roubini arriva alla stessa conclusione, affermando pero’ che sarà la Spagna a richiedere l’attuazione. Non vorrei che l’OTM sia stato congegnato proprio per non essere mai utilizzato, come conferma la forte discesa dello spread. Se questo calo dovesse proseguire, nessun Paese UE si verrebbe a trovare in condizioni di pericolo “speculativo”. E non ci sarebbe pertanto alcun bisogno di mettere alla prova un meccanismo che, forse, nella sua genialità, Draghi stesso ha concepito talmente bene da renderlo efficace prima ancora che realizzabile.

Un’Ansa del 7 Agosto riporta che la maggioranza dei tedeschi spera che la corte costituzionale di Karlsruhe bocci le leggi con cui il parlamento federale ha ratificato il fiscal compact e l’Esm. Quindi mercoledì sapremo quanto davvero conta in Europa il simpatico Jens Weidmann.

 

● L’inceppamento dell’economia reale negli Usa.
● L’aggravarsi dei problemi del debito sovrano in Eurolandia.
● Il rallentamento di Cina, e ‘Bric’ .
● Il pericolo di un conflitto militare tra Israele, USA e Iran, che raddoppierebbe il prezzo del petrolio in una notte.

(la news è apparsa su virgilio)

(see also: Break Up The Banks Or Hang Someone In The Streets)