Posts contrassegnato dai tag ‘Macro’

marc-faber

Nemmeno l’oro fisico ci salverà dall’immane disastro che incombe sull’economia planetaria. Così parlò Marc Faber, il guru della finanza mondiale noto come il “Dottor Destino”. Si tratta di una radicale inversione di rotta per un investitore di lungo corso la cui strategia è stata long sul mercato azionario a partire dal 2009. In un’intervista rilasciata giorni fa a Bloomberg Marc Faber ha argomentato la propria tesi affermando in sostanza che l’enorme massa di liquidità che le banche centrali di tutto il mondo, a partire dalla Federal Reserve americana, hanno iniettato nel sistema finanziario allo scopo di sostenere l’economia reale sta creando una bolla dietro l’altra. Quella che sta imperversando nell’economia mondiale, a circa sei mesi dal varo del terzo round di quantitative easing (QE3) da parte della Fed, provocherà un’esplosione dalla quale nemmeno l’oro fisico ci potrà salvare. Il testo integrale dell’intervista a Marc Faber è pubblicato in questa pagina del sito businessinsider.com L’intervista su Bloomberg è a questa pagina.

Marc Faber, publisher of the Gloom, Boom & Doom report, discusses U.S. markets, Europe’s financial woes and investment strategy. He talks with Tom Keene and Alix Steel on Bloomberg Television’s “Surveillance.”
Marc Faber
.

Annunci

fed-does-nothing-says-it-will-provide-additional-accommodation-as-needed

L’oro torna ad avere l’appeal di porto sicuro o “safe haven”, dopo le tensioni legate alla vicenda Cipro e in seguito alle attese degli investitori circa le prossime mosse della Federal Reserve. La maggior parte degli analisti ritiene che la banca centrale statunitense continuerà a praticare la consueta politica di allentamento tanto cara agli operatori di Wall Street, e non solo.
Oggi si concluderà la riunione del comitato di politica monetaria della Fed (Fomc). Scontata la conferma del costo del denaro allo 0-0,25%, l’appuntamento verte attorno agli eventuali aggiornamenti sull’attuale linea ultra espansiva fatta di tassi ai minimi storici e di un programma ‘aperto’ di acquisto di asset sul mercato. Dall’ultimo sondaggio Reuters emerge la convinzione che la Fed continuerà ad acquistare bond almeno fino alla parte finale del 2013, ma secondo la maggioranza degli operatori intervistati, gli acquisti proseguiranno anche nel 2014, per un totale di 1.000 miliardi nell’ambito dell’ultimo programma di quantitative easing annunciato. Attualmente la Fed acquista circa 85 miliardi di dollari di cartolarizzazioni immobiliari e titoli di Stato ogni mese.

ITALIA
Bb Biotech, stacco cedola

Saras, presentazione piano industriale ad analisti.

Popolare Milano, conference call su risultati di bilancio (9,00).

ROMA
Tesoro, annuncio quantitativi Ctz e Btpei in asta 25 marzo.

Il Presidente Napolitano avvia le consultazioni per la formazione del nuovo governo.

BRUXELLES
Audizione Rehn davanti commissione affari monetari Parlamento Ue.

Fiducia consumatori marzo zona euro (16,00).

FRANCOFORTE
Riunione consiglio Bce. No decisione tassi.

BERLINO
Tesoro offre 4 miliardi bund a 10 anni, scadenza 15/02/2023.

Prezzi alla produzione febbraio (8,00).

LISBONA
Tesoro offre 1,25-1,5 miliardi titoli di Stato a 3 e 18 mesi.

WASHINGTON
Scorte Usa settimanali prodotti petroliferi Eia (16,30).

FOMC, annuncio tassi (19,00). Conferenza stampa Bernanke (19,30).

NEW YORK
Risultati Oracle

Better and worse since 2007

Pubblicato: marzo 1, 2013 da Trading Warrior in Macro, Scenari
Tag:, , , ,

gdp_MG

With the latest gross domestic product figures released Thursday, here’s a look at what’s better, and what’s worse, since the recession, which according to the National Bureau of Economic Research started in December 2007 and ended in June 2009. — Steve Goldstein

(read more on marketwatch.com)

CINA, TAIWAN
Mercati chiusi per festività.

ITALIA
Cda su risultati 4° trimestre di: Cairo, Elica, Interpump.

Cda su risultati preliminari di bilancio di: Eni (comunicato domattina), First Capital (approvazione Net Asset Value), Ima.

ROMA
Istat, stima Pil 4° trimestre (10,00).

BRUXELLES
Stima flash Pil 4° trimestre zona euro (11,00).

Commissione Ue presenta proposta di tassazione sulle transazioni finanziarie in 11 Paesi membri (13,00).

ATENE
Stima Pil 4° trimestre (11,00).

BERLINO
Stima Pil 4° trimestre (8,00).

PARIGI
Stima Pil 4° trimestre (7,30).

WASHINGTON
Nuove richieste sussidi disoccupazione settimanali (14,30).

Tesoro offre Titoli di Stato a 30 anni (19,00).

NEW YORK
Risultati Agilent, General Motors, PepsiCo.

CINA, HONG KONG, MALESIA, SINGAPORE, TAIWAN
Mercati chiusi per festività.

ITALIA
Cda su risultati 4° trimestre di: Reno De Medici, Sabaf.

Cda su risultati preliminari di bilancio di: Lottomatica, Recordati.

ROMA
Tesoro offre 8,5 miliardi Bot a 12 mesi (365 gg).

BRUXELLES
Riunione Ecofin.

FRANCOFORTE
Risultati Thyssenkrupp.

LONDRA
Prezzi al consumo e prezzi alla produzione gennaio (10,30).

Risultati Barclays.

MADRID
Tesoro offre titoli di Stato a 6 e a 12 mesi.

PARIGI
Partite correnti dicembre (8,45).

WASHINGTON
Intervento annuale di Obama sullo Stato dell’Unione.

Tesoro offre titoli di Stato a 3 anni (19,00).

NEW YORK
Risultati Goodyear, Coca Cola, Western Union.

STANFORD
Intervento Plosser, Fed Filadelfia (2,00).

Nel giorno successivo all’avviso di garanzia che ha raggiunto il numero uno di Eni Paolo Scaroni, indagato per un presunto episodio di corruzione legato agli appalti ottenuti dalla controllata Saipem in Algeria, gli investitori aspettano di valutare gli esiti di quanto comunicato nel corso della conference call di ieri sera dall’ad di Saipem Umberto Vergine. Dichiarando agli analisti di scorgere “evidenti” segnali di recupero della redditività, Umberto Vergine ha aggiunto che non ci sono ancora motivi sufficienti per rivedere le indicazioni sul 2013 fornite con l’annuncio a sorpresa del 29 gennnaio. Il manager che il 5 dicembre scorso ha sostituito Pietro Franco Tali alla direzione di Saipem ha anche affermato di non aspettarsi perdite sui progetti in corso e non vede ragione per accantonare risorse a fronte di eventuali problemi in Algeria.
Separatamente, secondo la stampa specializzata, Saipem è in pole position per vincere una gara da 1,5 miliardi di dollari ad Abu Dhabi. La società avrebbe presentato il 28 di gennaio un’offerta di 300 milioni di euro più bassa degli altri soggetti partecipanti.